Anna Pasetti

Anna Pasetti

Docente di ARPA

Anna Pasetti si è diplomata in arpa nel 1988 presso il Conservatorio “A. Steffani” di Castelfranco Veneto, sotto la guida della Professoressa Ilde Bonelli (già prima arpa dell’Orchestra del Teatro “La Fenice” di Venezia). Successivamente ha frequentato corsi di perfezionamento con i Professori Giuliana Albisetti, Fabrice Pierre, Catherine Michel e Susanna Mildonian (presso l’Accademia Chigiana di Siena) e ha studiato le arpe storiche con la Professoressa Mara Galassi, con la quale ha successivamente collaborato in diversi progetti divulgativi e di ricerca.
Fra i numerosi riconoscimenti da lei ottenuti, vi sono il Primo Premio al I Concorso Internazionale “Città di Ispra”, il Primo Premio assoluto al II Concorso Nazionale “Riviera della Versilia” (Camaiore), il Primo Premio al X Concorso Nazionale di Musica d’Assieme “Città di Genova”, il Primo Premio assoluto al III Concorso Internazionale di Arpa di Spotorno, il Primo Premio all’VIII Concorso Internazionale “Premio Acqui Musica” (Acqui Terme), il Primo Premio al II Concorso “Piero Rogger” a Mestre; ha inoltre partecipato al “First International Chamber Music Festa” a Osaka, su invito della “Japan Chamber Music Foundation”. Nel 1998 si è esibita in occasione del “4th European Harp Symposium” a Perugia, cui ha fatto seguito l’anno successivo la partecipazione al “7th World Harp Congress” a Praga.
La sua passione per lo studio della storia della musica e per la ricerca l’ha spinta a iscriversi alla Scuola di Paleografia e Filologia Musicale di Cremona, ove si è laureata in Musicologia nel 1996 con la prima tesi sulla storia dell’arpa presentata in una università italiana, che è stata premiata con il massimo dei voti, lode e dignità di stampa.
Da quel momento la sua vita professionale è sempre stata divisa fra la musica pratica e la ricerca musicologica.
Considerata uno dei maggiori esperti mondiali sulla storia dell’arpa, del suo repertorio e della sua prassi esecutiva, è autrice di quasi 250 pubblicazioni. Dal 1996 dirige la collana “Magadis” dedicata alla musica per arpa per Ut Orpheus Edizioni (Bologna); le composizioni da lei pubblicate in edizione Urtext sono state inserite come pezzi d’obbligo nei programmi del Concorso Internazionale di Israele (edizioni 2003 e 2012), del II e IV Concorso Internazionale “Suoni d’Arpa”, e sono state incise in numerosi CD solistici e cameristici da lei stessa e da diversi arpisti di fama internazionale (anche su strumenti storici).
Nell’estate del 2004 è stato pubblicato, sempre da Ut Orpheus, il suo primo libro dedicato alla storia dell’arpa fra antichità e medioevo, dal titolo Non arguta sonant tenui psalteria chorda, al quale è seguita la monografia L’Arpa (L’Epos, Palermo, 2008), sulla storia dell’arpa dal medioevo al Novecento. Nel luglio del 2010 è uscito il suo terzo libro, L’Arpa Viggianese nella storia della musica e dell’arpa in Europa, pubblicato dal Comune di Viggiano (PZ), dedicato al fenomeno poco conosciuto delle arpe popolari della regione Basilicata. Numerosi sono anche i suoi articoli apparsi all’interno di riviste e volumi di studi (fra i quali: “Syrinx”, “Rassegna di Studi e Notizie”, “Hortus Musicus”, “I Quaderni del m.æ.s”, “Doce Notas”). Una sua monografia sulla storia dell’arpa nella Grecia classica è stata pubblicata all’interno del volume Ut Musica Pictura (Regione Piemonte, Istituto per i Beni Musicali in Piemonte, 2010), mentre il suo studio su “Liszt, l’arpa, gli arpisti” è uscito nel volume Liszt e il suono di Érard (Villa Medici Giulini, 2011), premiato con il “Prix du Muses” 2012. Ha scritto inoltre i libretti di numerosi CD solistici e cameristici prodotti registrati da artisti italiani per case discografiche come Tactus, Bottega Discantica, Edizioni Paoline, Velut Luna, MAP, On Classical.
Grazie ai suoi studi organologici ha collaborato in qualità di consulente al restauro dell’arpa doppia estense del XVI sec. che ora è conservata presso la Galleria Estense di Modena (comunemente detta “Arpa di Laura”); ha tenuto conferenze e corsi sulla storia dell’arpa presso la Scuola di Paleografia e Filologia Musicale di Cremona, la Scuola Civica di Musica di Milano, l’Istituto per i Beni Musicali del Piemonte, l’Università di Torino, i Conservatori di Udine, Parma, Milano, Cuneo, Trento, Reggio Emilia, Castelfranco Veneto e Torino, la Brigham Young University di Provo (Utah – USA) e la Tel Aviv University (Israele). Dal 2005 al 2008 è stata inoltre la curatrice del Museo dell’Arpa “Victor Salvi” a Piasco e ha progettato le esposizioni 2006, 2007 e 2008. In questo ruolo ha tenuto conferenze a San Francisco, Londra, Cardiff.
Pur essendo specializzata nel repertorio dei secoli XVIII-XIX, ha collaborato con diversi compositori (Lucio Gregoretti, Hector Raoul Dominguez, Marino Baldissera, Ugo Bellotti, Roberto Solci, Gianmichele D’Errico), eseguendone e registrandone le composizioni; ha inoltre preso parte alla prima registrazione del Concerto di Bruno Maderna per due pianoforti, due arpe, celesta e percussioni (Stradivarius, 2001) e con il Quartetto d’Arpe di Venezia ha inciso un CD contenente la prima mondiale delle trascrizioni da lei effettuate dei quattro concerti delle “Stagioni” di Vivaldi per quattro arpe, più una composizione originale scritta appositamente e dedicata al quartetto da Roberto Solci, “Le Muse danzanti” (Fine Tune – Recording Arts, 2000). Con il soprano Laura Vasta ha registrato il CD Ave Maria, prodotto da Radio Oreb (Vicenza). Nel maggio del 2014 è uscito per Tactus un CD monografico dedicato alle composizioni originali per flauto e arpa di Luigi Gianella, registrato con il flautista Claudio Ortensi: “Luigi Gianella Trois Duos Concertants Op. 2”, recensito da diverse riviste musicali col massimo punteggio tecnico e artistico, a cui è seguito, nel 2017, sempre in collaborazione col flautista Claudio Ortensi e sempre per Tactus, il CD “Musica per flauto e arpa dell’Ottocento Italiano”, contenente brani di Carlo Michelangelo Sola, Giovanni Toja, Angelo Bovio, Giuseppe Gariboldi e altri. Nel 2018 per Dynamic è uscito il suo primo CD da solista, contenente le 3 Sonate op. 15 di Marie-Martin Marcel de Marin.
Ha insegnato arpa presso la Scuola Comunale “Miari” di Belluno (in convenzione con il Conservatorio “A. Pedrollo” di Vicenza), i Conservatori “N. Rota” di Monopoli, “G. Frescobaldi” di Ferrara, “B. Marcello” di Venezia e “U. Giordano” di Foggia. Per tre volte è stata docente ospite nella Masterclass Internazionale di Arpa di Judith Liber a Grandola e Uniti, nel 2008, 2010 e 2011. Dal 2010 al 2014 è stata consulente per la didattica arpistica presso la Scuola di Arpa Popolare di Viggiano. Ha tenuto stage e masterclass di arpa a Asolo, Viggiano e Montefiore Conca.
Ha fatto parte della giuria del II, III, VII e VIII Concorso Internazionale di Arpa “M. Tournier” a Cosenza, del I, II e III Concorso Internazionale “Suoni d’Arpa” a Salsomaggiore Terme, del V Concorso “Eratai” a San Giovanni Rotondo e del “18th International Harp Contest in Israel” a Tel Aviv (22 novembre – 6 dicembre 2012).
Nel luglio del 2012 le è stato conferito dal Comune di Isolabona, sede del celebre festival concertistico “Harpae”, il “Premio Pepi Morgia” per la diffusione dell’arpa e nell’agosto del 2013 le è stato conferito dal Comune di Viggiano il “Premio Harpo Marx” per il contributo dato alla riscoperta e alla valorizzazione dell’arpa viggianese.

TOP