Mirko Ballico

Mirko Ballico

Docente di Teoria, ritmica e percezione musicale

Musicista poliedrico e dalle competenze interdisciplinare. Ha in repertorio otto secoli di musica organistica, dal Gotico al Contemporaneo. Inizia il percorso musicale da autodidatta.
Ha successivamente studiato organo e composizione organistica al conservatorio di Vicenza diplomandosi in soli 4 anni in con il massimo dei voti, successivamente alla “Bruckner Universität” di Linz ottenendo il Bachelor con lode in Konzertfach-Orgel e infine al conservatorio di Verona dove in 3 anni ha conseguito il diploma in Strumentazione Bandistica, il diploma di Composizione e il Master in Organo con 110 e lode.
Ha studiato organo con Brett Leighton, C. Rieger, M. Radulescu, L. Rogg, W. Zerer, M. Raschietti, L. Signorini, composizione con F. Zandonà e E. Pisa, direzione d’orchestra con C. Rebeschini.

Vincitore del premio “Paul Hofhaimer” di Innsbruck nel 2007, titolo consegnato solo 6 volte nella storia cinquantennale del concorso. Ha ottenuto il secondo premio ex-aequo al concorso di Innsbruck anche nel 2004 ed è stato premiato ai concorsi organistici nazionali di Viterbo (2000 – vincitore categoria “corso superiore”), Angullara Veneta (2000 – secondo premio e 2001 – primo premio) e internazionali di Caldaro (2001 – terzo premio), Füssen (Germania 2002 – secondo premio), Borca di Cadore (2003 – terzo premio) e Carunchio (2008 – Primo Premio). Nel 2013 ha vinto il 1° Premio al concorso di composizione “BPV” organizzato dal Conservatorio di Verona nella categoria “trascrizione” e nel 2014 il 2° Premio nella categoria “composizione originale per gruppo cameristico” dello stesso concorso.

Molto attivo come trascrittore, ha rielaborato per vari organici brani di J. Willims, A. Silvestri, H. Zimmer, E. Morricone e moltissime altre colonne sonore.
Come compositore scrive per coro e orchestra (Kyrie e Gloria eseguito), più strumenti a tastiera (2 concerti per 2 organi e un ciclo natalizio per 3 organi), pezzi per soli, musica da camera (diverse suites per pianoforte e strumento solista, brani su commissione per gruppi di Flauti, Saxophoni, gruppi misti) e composizioni per orchestre giovanili (più volte eseguite in occasioni di campus residenziali). Molto vasto il suo catalogo organistico che comprende circa 20 pubblicazioni tra cui “Auf den Wecker” (2004), inserito come pezzo obbligatorio in finale al Concorso Internazionale di Borca di Cadore 2005. L’orchestra del conservatorio di Padova ha eseguito in occasione del concerto inaugurale dell’anno accademico 2017/18 tre sue composizioni per orchestra sinfonica (Acqua, Terra, Aria). Tra i suoi esecutori, il gruppo di Flauti Joierus de Flute (C. Montafia), la Sax Orchestra del conservatorio di Padova (L. Podda) e la 4 Saints Brass Orchestra di Pordenone (D. Cal), l’Orchestra del Teatro Olimpico di Vicenza (C. Rebeschini), I Polifonici Vicentini (P. Comparin).

Il suo testo “Ricerchada” (200 pagg. più volte ristampato), manuale di interpretazione su base filologica delle musiche dal 1400 al primo 1600 risulta ancora oggi uno degli unici sunti di trattatistica rinascimentale tastieristica nel panorama italiano.
Ha completato da studente 3 opere di J. S. Bach, Fantasia BWV 573, Fuga BWV 562/2 (perduta), e “O Traurigkeit” corale dall’Orgelbüchlein. Negli ultimi anni, grazie ad un forte impulso didattico, ha scritto e pubblicato un corso completo di solfeggio composto da un Manuale di Ritmica, Esercizi Cantati e Manuale di Lettura e Prove d’esame. Tutte le sue opere sono edite da Armelin Musica di Padova. Di prossima pubblicazione anche la sua tesi di laurea sulle “6 fughe sul nome Bach” per Pedalflügel opera 60 di Robert Schumann.

Regolarmente invitato presso istituti di alta formazione come docente ospite, ha tenuto conferenze e seminari sulla prassi esecutiva (dal Rinascimento al Barocco) e trattatistica rinascimentale per l’accademia organistica Lunelli di Trento (2011), il Conservatorio di Udine (2012), il Festival Organi Storici del Cadore (2014), il Conservatorio di Adria (2014), il Conservatorio di Alessandria (2016) il Campus delle Arti di Bassano del Grappa (2016), il Conservatorio della Svizzera Italiana di Lugano (2017), il Conservatorio di Como (2018). Negli ultimi anni è stato invitato come compositore residenziale nei campi-vacanza dell’orchestra “I Pollicini” del conservatorio di Padova.

Ha registrato per le etichette “Bottega Discantica” (Opere di Pietro Morandi; J. S. Bach “Viaggio in Italia”), “Rainbow Classics” (La Sonata Organistica Veneta; Lefebure-Wely op.122) incidendo numerosi altri cd tra cui opere per 2 organi (Organi Storici del Friuli vol. III; Organo di S. Bartolomeo a Treviso) e produzioni private contenenti anche composizioni personali.
Nel 2009 è stato scelto tra i migliori giovani organisti italiani per l’incisione di un cd commemorativo per i 180 anni di fondazione della ditta organaria “Mascioni” e un suo concerto è stato pubblicato in DVD dalla Fondazione Levi (Contributi per la storia dell’arte organaria e organistica in Italia, Venezia 2012).

Attivo come docente a contratto con enti e scuole statali in qualità di “esperto” e coordinatore di corsi musicali per un decennio, ha insegnato diverse materie curricolari (Teoria e Solfeggio, Armonia, Accompagnamento Pianistico, Organo) nei Conservatori di Bergamo, Bolzano, Adria, Padova e alla scuola “Miari” di Belluno, collaborando con la diocesi di Vittorio Veneto con competenze di organologia. Suona regolarmente come concertista in tutta Europa (Italia, Francia, Spagna, Svizzera, Austria, Germania).

Per info sulle edizioni è possibile consultare il sito www.armelin.it

TOP